Maria Giovanna Villari

Archive for novembre 2012|Monthly archive page

viaggio in austroungheria e regno unito

In dimore storiche, le 4 pareti, mostre d'arte on novembre 28, 2012 at 1:54 pm

Heiri Haefliger è l’artista ospitato da Saleppe nelle 4 pareti che ha tenuto recentemente la sua mostra a Napoli, dal titolo Polymorfini.

Per brevità -tutti abbiamo un computer o un ipad e uno smart phone- il link della mostra su  http://le4p.com/2012/06/11/polymorfini-di-heiri-testo-critico/

Ma togliamo pure la mascherina a Saleppe, parlo io.

Dal 5 al 18 Novembre di questo mese si è tenuta a Budapest una fiera d’arte dal titolo “Budapest art fair”

http://le4p.com/2012/11/08/budapest-art-fair-2012-le-4-pareti-con-heiri-haefliger/; a Vienna visita all’atelier dell’artista

A Londra Tate Modern e sud est di Londra dalla London Bridge fino a Southwark.

 Quindi tourneè in Ungheria Austria e Gran Bretagna, meglio, per motivi che affioreranno nella nostra relazione, una reimpatriata nell’Austro-Ungheria e Sacro Romano Impero e Regno Unito, con visita a palazzi antichi ben conservati o con in corso grandiosi restauri e trasformazioni; vere dimore storiche al di la delle etichette.

Di Heiri ammiriamo ancora la polivalente cultura e lo spirito che anima le sue opere. A noi ha interessato altrettanto il pubblico perchè le opere dell’uomo esistono se qualcuno le osserva, le gode e le introduce nella sua anima.

A questo punto parliamo delle dimore storiche visitate e ancora una volta mettiamo i link sui resoconti contenenti gli appunti di viaggio così come si  formano nel tempo e da luogo a luogo.

Osservazioni più meditate ci portano alle seguenti considerazioni. Nei paesi dell’est, antichi satelliti dell’URSS, per lungo tempo sono rimasti congelati antichi e straordinari edifici storici. E’ vero, molti ne furono distrutti, ma altri si sono conservati ed oggi sono oggetto di grande cura.

Nel sito www.brodyhouse.com si riportano le fotografie dei palazzi visitati, nei quali si svolgeranno incontri con Heiri Haefliger.

Anche noi in Italia abbiamo le nostre dimore storiche private. E’ interessante scoprire come si opera nei paesi dell’Est. Non pochi edifici sono stati restituiti ai proprietari, spesso loro discendenti, dopo gli espropri -ed i saccheggi- effettuati dalle rivoluzioni e dalla terribile guerra che ha infuriato dal 1939 al 1945 e dei suoi postumi.

Le attuali amministrazioni di questi paesi, così abbiamo appreso anche a Budapest, hanno dato largo spazio e favorito in ogni forma il recupero del patrimonio artistico pubblico e privato.

Poca burocrazia; aiuti finanziari ai restauratori, talvolta a fondo perduto. Un consistente numero di restauratori provengono dai nostri paesi che non ebbero una rivoluzione e nei quali si trovano ancora finanziatori spesso capaci. In particolare gli edifici che ho esaminato e riportato nei link sono stati acquistati e vengono ristrutturati da giovani managers  http://www.brodyhouse.com/about/founders  poco più che trentenni amanti della cultura, del bello e perchè no, del vero.

Accludo nel loro inglese i curricula, le loro fotografie e le fotografie dei palazzi che stanno ristrutturando. http://www.brodyhouse.com/about/our-venues

 Avremmo modo nei nostri ambienti culturali  -il mio pensiero va anche alle nostre dimore storiche- di confrontarci.