Maria Giovanna Villari

Archive for gennaio 2012|Monthly archive page

john maynard keynes

In Uncategorized on gennaio 28, 2012 at 1:54 pm

Essays in Persuasions è il titolo del libro in Inglese

Saleppe's Blog

“Perchè pur correndo tempi così tristi la tradizione del liberalismo esercita tanta attrattiva ? il partito laburista comprende tre elementi: vi sono i sindacalisti, una volta oppressi oggi tiranni ed alle cui pretese settoriali ed egoistiche bisogna opporsi eroicamente. Vi sono i sostenitori dei metodi violenti e dei mutamenti drastici, chiamati per equivoco “comunisti”, impegnati dalla loro fede a creare il male da cui dovrebbe venire il bene, e che, non osando organizzare la catastrofe apertamente, sono costretti a giucare con sotterfugi e complotti. Vi sono poi i “socialisti” i quali credono che le fondamenta economiche della società moderna siano cattive, mentre potrebbero essere buone.

Molti liberali oggi troverebbero piuttosto congeniale la compagnia e la conversazione di questo terzo elemento che ho definito “socialisti”: ma non possiamo marciare con loro finchè non sappiamo per quale strada e per quale obiettivo intendono andare”. (john maynard keynes,Esortazioni e Profezie, 1931, ed. Il…

View original post 41 altre parole

john maynard keynes

In analisi on gennaio 28, 2012 at 9:55 am

“Perchè pur correndo tempi così tristi la tradizione del liberalismo esercita tanta attrattiva ? il partito laburista comprende tre elementi: vi sono i sindacalisti, una volta oppressi oggi tiranni ed alle cui pretese settoriali ed egoistiche bisogna opporsi eroicamente. Vi sono i sostenitori dei metodi violenti e dei mutamenti drastici, chiamati per equivoco “comunisti”, impegnati dalla loro fede a creare il male da cui dovrebbe venire il bene, e che, non osando organizzare la catastrofe apertamente, sono costretti a giucare con sotterfugi e complotti. Vi sono poi i “socialisti” i quali credono che le fondamenta economiche della società moderna siano cattive, mentre potrebbero essere buone.

Molti liberali oggi troverebbero piuttosto congeniale la compagnia e la conversazione di questo terzo elemento che ho definito “socialisti”: ma non possiamo marciare con loro finchè non sappiamo per quale strada e per quale obiettivo intendono andare”. (john maynard keynes,Esortazioni e Profezie, 1931, ed. Il saggiatore 1968, pag. 260).

Commento di Saleppe

Mutatis mutandis, qualche nome e qualche cosa, parliamo di noi i suoi pronipoti. E parliamo ancora di lavoro, ritenuto rispettabile se svolto senza mezzi di produzione e soprattutto di proprietà, e sul quale saremmo fondati…

non te ne andare

In immagini on gennaio 11, 2012 at 6:30 pm

Einaudi – lo scrittoio del presidente – scritto nel 1956

In analisi on gennaio 8, 2012 at 8:44 pm

“Ciò che si sa, o si intuisce … prova come una industria terriera nazionalizzata non solo non dia un margine del 20% sul prodotto interno lordo che danno analoghe aziende private, ma frutta invece, a causa di organici eccessivi e di larghezze salariali, un eccesso di spese sui prodotti lordi di forse altrettali 20%”.

Montagne di morti in Cina, Urss per avere nazionalizzato.

I tubi dell’acqua nazionalizzati ? Nessuna manutenzione per decenni. Questo in occidente in Italia.

E ancora.

“Il limite dei 65 per la cessazione dal servizio attivo dei dipendenti dello stato e per il conseguente loro collocamento a riposo, risale ad un’epoca nella quale la durata della vita umana nei paesi civili ed anche in Italia era notevolmente inferiore a quella attuale. Esso, quindi, ha un carattere tradizionale ed anacronistico contrastante con la realtà di oggi, la quale fa si che la vita produttiva dell’uomo si estenda ben oltre a quella che poteva essere considerata normale una o due generazioni addietro”.

Tanto scrive Einaudi nel 1956.

Monti, arrossisci. Amico, spiega agli italiani quello che i compiti straordinari che ti sono stati affidati ti impongono di fare.

Napolitano, arrossisci anche tu.

Speach of Napolitano self made man – ieri operaio, oggi president of Italy (parlando come Monti)

In analisi on gennaio 1, 2012 at 1:13 pm

Il discorso di fine anno di Giorgio Napolitano è un lampante manifesto del partito comunista. Emerge il rosso perfino nella foto e nella cravatta a pois; si fa riferimento alle fabbriche, agli operai e alle maestranze. Reminiscenze di sue allocuzioni del primo di maggio degli anni passati. Il pedigree reale di Napolitano è ottimo. Viene da una famiglia bene di Napoli, quasi regale. Ma deve andare a casa, con l’impeachment che timidamente e per timore non viene ancora invocato da chi dovrebbe farlo. Silvio basta convenevoli, non stai su una nave di crociera, come anche tu ai bei tempi antichi. Basta bandane. Fatti.

UPDATE 2.1.2012

Napolitano si è presentato agli italiani come uomo di parte, facendo l’occhiolino ai Bersani, ai sindacati, maestranze e fabbriche ormai inesistenti ed agli scalmanati. Capitemi bene, sono sempre il compagno che sta trasformando il sistema economico secondo vecchi e collaudati modelli di nostri predecessori. Non è solo la cravatta in rosso, ma è anche la bandiera italiana a forma indiscutibile di cravatta dove risalta il rosso. Un saluto che somiglia a un pugno chiuso e così viene capito dai Bersani agli scalmanati contro Berlusconi, Verzè, attaccati dalla casta dei magistrati.

Mainiero bravino. Punteggio 8-

Più coraggio.